> Storie di successo > Tutte le storie di successo > L'amore, alla fermata del tram numero 5

Tutte le storie di successo

L'amore, alla fermata del tram numero 5

Una storia nata in Lombardia: lui, 60 anni, agente di commercio; lei, 57 anni, impiegata

Relazioni personali: amore a prima vista per Dario e Laura, in Lombardia

Mi chiamo Dario, 60 anni, faccio l’agente di commercio da 30. Sono separato ormai da 7 anni e ho una figlia di 32 laureata e un figlio di 23 anni che lavora per una tv. Devo dire grazie a Parship, perché mi ha permesso di incontrare donne seriamente interessate a un rapporto duraturo. Trascurando la prima, che si è adombrata per un nonnulla e ha chiuso il rapporto dopo una settimana che ci sentivamo al telefono, ho conosciuto una signora tedesca con la quale l’affinità era notevole, al punto che ho preso l’aereo e sono volato a Berlino. Purtroppo di presenza abbiamo verificato che non c’era la "chimica", ma è stata comunque una bella esperienza e siamo rimasti in contatto anche dopo i 2 mesi di frequentazione in Parship.

Queste esperienze mi sono servite per aiutarmi a capire meglio da un lato l’importanza della componente fisica e dall’altro alcuni fattori caratteriali che rimangono dietro la vetrina che si presenta al pubblico. Dopo questi flop, non mi sono scoraggiato, anzi mi sono subito dato da fare e ho incrociato Laura: affinità di coppia 100 (c’è di meglio), interessi comuni, un orientamento che mi piaceva su alcune questioni fondamentali, una frase (a cosa sto pensando) che mi dava garanzie ("Vorrei finalmente trovare l’uomo della mia vita!!!")…così le ho mandato un messaggio, al quale lei ha risposto, e pensavo che avremmo continuato per un po’ a scriverci.

Invece lei mi ha mandato il suo numero di telefono per sentirci a voce e per dirmi che ci potevamo (dovevamo) vedere presto, senza perdere tempo inutile, perché la cosa si doveva giocare di presenza, in modo da verificare che ci fosse la "chimica", in assenza della quale sarebbe stato inutile continuare (molto concreta la Laura)... Oltretutto il suo abbonamento a Parship era in scadenza e non le aveva prodotto granché.

Le rispettive foto ce le siamo scambiate subito e ho visto che poteva essere un bel tipino Così ci siamo dati appuntamento il primo lunedì di ottobre, fuori dalla stazione centrale di Milano: io sono arrivato col treno, lei è arrivata col tram n.° 5. Ricordo l’attesa sul marciapiede, diversi tram passati, e finalmente il n.° 5, dal quale un caschetto biondo mi salutava. Appena scesa, ci siamo scambiati i baci di saluto e abbiamo deciso di non andare lontano, non sapevamo se ne valeva la pena. Così ci siamo accomodati nel dehors di un bar poco distante, abbiamo ordinato un caffè e ci siamo raccontati un po’ di cose. Non ci siamo annoiati .

Io ero perplesso per la sua decisione di vederci subito senza aver prima sviluppato un dialogo, ma vedevo che i discorsi fluivano senza problemi. Mi colpisce il suo sguardo chiaro, diretto, che non vuole nascondere e si lascia leggere senza problemi. Così, passate un paio d’ore piacevoli, era ora per me di rientrare. Ci avviamo verso la stazione sottobraccio e all’improvviso mi viene l’impulso di baciarla: risponde, risponde molto bene…

Mi accompagna fino al treno e ci lasciamo con tanti bacetti, fino alla chiusura delle porte. Stranamente mi sento molto bene, lo stomaco è completamente rilassato, non c’è ombra di ostacoli. Naturalmente ci sentiamo più volte al giorno e fissiamo il fine settimana insieme a casa mia. Così, in tutta semplicità, con una linearità assoluta e incredibile, siamo entrati nella nostra storia, che continua benissimo dopo più di 7 mesi. Siamo stati a Praga 4 giorni, abbiamo passato le feste insieme con i figli rispettivi, siamo stati a Napoli 5 giorni e ci vediamo almeno 3 o 4 giorni alla settimana, abbiamo frequentato qualche concerto, siamo stati in montagna. Insomma, abbiamo superato delle prove di frequentazione reciproca e ci stupiamo di quanto stiamo bene insieme: io non mi ricordo di non aver avuto mal di stomaco con una donna e lei dice che con me può andare dovunque. Ci spiace molto quando ci dobbiamo lasciare per i rispettivi impegni, e continuiamo a dire come sarebbe bello se abitassimo insieme. Ma quanto prima è una decisione che prenderemo, appena riusciremo a conciliare gli impegni di lavoro.

Devo dirvi che ho apprezzato Parship, la platea dei partner è notevolmente ampia e soprattutto mirata, in aggiornamento continuo. Ciò permette di accorciare notevolmente i tempi e di trovare delle buone risposte; è senz’altro un metodo all’altezza dei tempi, ma ognuno deve fare la sua parte. Il sistema di Parship per mostrare le foto è certamente molto valido, tutela la privacy e induce a focalizzarsi prima sul carattere e sulle altre caratteristiche, che sono gli elementi che permettono a un rapporto di durare nel tempo. Si vede già da questo che il sito non è il solito sito. Ciononostante c’è stata qual che donna che ha preferito mandarmi la foto via mail, non ho capito perché. Dicevano che c’erano in giro i soliti poco seri. Probabilmente in Italia c’è sempre qualcuno che si diverte ad andare contro le regole e questo spegne un po’ lo spirito di partecipazione.

In ogni caso, in bocca al lupo a tutti; auguro di avere la stessa fortuna che ho avuto io.

Dario V.
 

Prova Parship gratis

Io sono
Sto cercando

Si applicano le CGI e l’informativa sulla protezione dei dati personali. L’abbonamento gratuito prevede l’invio periodico di e-mail contenenti offerte relative all’abbonamento a pagamento e ad altri prodotti offerti da PE Digital GmbH (è possibile recedere in qualsiasi momento).

Error with static Resources (Error: 418)