> Magazine > Le relazioni > Le 5 fasi del corteggiamento

Le relazioni

Le 5 fasi del corteggiamento

Saper "sedurre" negli incontri di persona: passo dopo passo, ecco come fare.

Parship.it - Negli incontri è fondamentale sapere come muoversi, per sedurre la persona che ti piace e farla diventare la tua anima gemella

Ci sono molti manuali che insegnano tecniche di seduzione da utilizzare, in modo strategico, negli incontri con persone che piacciono. Da seguire oppure no? "Naturalmente, soprattutto per i timidi o per coloro che magari non sono più abituati al corteggiamento, possono essere utili: un modo per "rientrare" e rimettersi in gioco, con la sicurezza di regolette chiare. Ma la vera seduzione nasce dall'essere autenticamente se stessi: così chi ti apprezza lo fa perchè è realmente in sintonia con te e non con la "maschera" data dall'applicazione delle "tecniche", commenta la dott.ssa Anna Maria Cebrelli, l'esperta in relazioni di Parship.

Il lato nascosto degli incontri

Ma cosa fa l'attrazione, negli incontri? La bellezza è un elemento importante con l'avvertenza però non solo "è bello ciò che piace" ma anche ogni persona diventa più gradevole man mano che la si conosce e diventa più familiare (se la conoscenza è piacevole, beninteso) così come molta della bellezza può essere data dalla personalità che traspare. Quindi attraggono e seducono anche la parola, i modi gentili, il saper fare, la conoscenza. Mettere sul tavolo tutte le proprie carte seduttive non sempre, negli incontri, ha però un effetto immediato. Le donne, ad esempio, sono naturalmente iniziamente più diffidenti degli uomini: il motivo è facilmente comprensibile. Ma come fare per capire se le cose stanno funzionando, se ci si sta piacendo? Osservando il linguaggio non verbale: al di là delle parole, il comportamento "non controllato".

Un passo dopo l'altro, ecco cosa succede

Secondo alcuni studiosi, ci sono cinque le fasi del corteggiamento: nella prima ci si fa notare. Per gli uomini è importante trasmettere la propria intensità "maschia" senza però dare l'idea di essere aggressivi, dominanti. La seconda fase è quella degli occhi: quando gli sguardi si incrociano per almeno un paio di secondi, un contatto vero è stato fatto. Lascerà il segno, positivo o negativo che sia. Attenzione: se poi si tende a muoversi tutti e due nella stessa direzione, con lo stesso ritmo, se ci si sporge un po' di più l'uno verso l'altra questo è un buon segno. E quindi la terza fase: quella che lascia più spazio alle parole vere e proprie. Rompere il ghiaccio, specialmente nei primissimi incontri, non sempre è facile; la spontaneità, il partire anche dalle proprie debolezze e insicurezze può essere sempre però un modo vincente. Certo è che è importante non parlarsi addosso, non parlare di argomenti a cui l'altra persona non è interessata e, anche, alternare fasi di ascolto. Reale, profondo. Saper ascoltare veramente è una dote seduttiva non esplicita ma efficace! La seconda è la simpatia e l'umorismo.

Siamo quindi alla quarta fase, che se tutto va come deve avviene spontaneamente: la riduzione delle distanze. D'altra parte ascoltare e sorridere insieme da distanza non viene bene! La quinta fase è quella del contatto. Il tocco ha una doppia funzione: da un lato rassicura, dall'altro favorisce il salire di una piacevole tensione amorosa. Ed è, questa quinta tappa, ritmata dalla donna: sarà lei a dare all'uomo (che dovrà rispettarli, s'intende) i segnali di stop, di attesa, di retromarcia o di libertà a procedere... ad altri tipi di incontri.

Prova Parship gratis

Io sono
Sto cercando

Si applicano le CGI e l’informativa sulla protezione dei dati personali. L’abbonamento gratuito prevede l’invio periodico di e-mail contenenti offerte relative all’abbonamento a pagamento e ad altri prodotti offerti da PE Digital GmbH (è possibile recedere in qualsiasi momento).

Error with static Resources (Error: 418)