> Consigli utili > Situazioni particolari > Un cortese "no, grazie"

Situazioni particolari

Un cortese "no, grazie"

Vuoi conoscere qualcuno ed imparare come dire di no in modo elegante? Un paradosso? Non proprio. Normalmente la ricerca del partner richiede un po' di tempo. Molti prendono contatto con più candidati. In realtà si capisce rapidamente se non si tratta della persona giusta. Come comunicare la brutta notizia?

Incontri

Se ti capita di essere avvicinato da uno sconosciuto che non trovi interessante, per esempio in un bar o durante una festa, te la sbrighi con un paio di parole, da "Sta arrivando il mio compagno" fino a "Levati dai piedi!". Se invece avete organizzato un incontro mirato, perché entrambi siete alla ricerca dell'anima gemella, dire di no è più complicato. Diversamente dagli incontri quotidiani, le premesse qui sono già chiare: poiché entrambi siete pronti ad un legame serio, potreste avere grandi aspettative, desideri intimi e ahimè qualche ferita.

Coraggio!

Il pericolo di far soffrire qualcuno aumenta con l'approfondirsi della conoscenza, dai messaggi di posta elettronica alle lettere, dalle telefonate fino all'incontro. Se capisci subito che l'altro non ti interessa, è importante farglielo sapere quanto prima. Comportati nello stesso modo in cui vorresti che gli altri si comportassero con te: non farsi più sentire, è poco elegante. Probabilmente l'altro guarderà pieno di speranza nella Casella Postale o cercherà di raggiungerti ancora per settimane. Invece è bene avere il coraggio e la delicatezza di comportarsi correttamente l'uno nei confronti dell'altro. In questo modo non dovrai girarti dall'altra parte se dovessi incontrarlo per strada. Non avere paura di dire di no! Sviluppare contatti verso i quali non nutri grande interesse non può certamente portare ad un rapporto serio. Se dovessi sentire dentro di te un senso di insofferenza, è meglio in ogni caso rinunciare all'incontro sin dall'inizio.

Un rifiuto in rete e...

Comunicare un rifiuto sul web è decisamente più semplice, anche perché si gode dell'anonimato. Con Parship è piuttosto facile instaurare un contatto: il primo, corredato da una breve domanda e dal tuo profilo anonimo, lo manda Parship al tuo posto. Dunque se vuoi rispondere e mantenere il contatto, non utilizzare messaggi preconfezionati. Invece se non sei interessato, puoi anche rifiutare il contatto con un testo standard del tipo: "Dopo la lettura del tuo messaggio, non credo che siamo particolarmente adatti l'uno all'altra. Non sono io la tua anima gemella, continua la ricerca e buona fortuna". Chi ha fatto lo sforzo di scrivere, anche se non ti interessa, merita una risposta se pur negativa.

...e di persona

Mettiamo che al primo appuntamento si diriga verso di te una persona alla cui vista pensi "Speriamo che non sia lui o lei" ... oppure, incontri una persona esteticamente piacevole, ma devi riconoscere che non siete sulla stessa lunghezza d'onda. Cosa fare? Prendere un caffè e scambiare quattro chiacchiere è fattibile per chiunque e chissà, guardandolo meglio, potresti cambiare idea. Se questo non avviene, è meglio concludere elegantemente l'incontro, o, nel caso non te la senta di dire no di persona, mandare un rifiuto scritto.

Se proprio manca l'alchimia...


Nel rifiutare non addurre mai ragioni che facciano riferimento alla persona. Non è elegante far notare ad un uomo che è robusto o ad una donna che ha il naso troppo grosso. Spesso un appuntamento fallisce non per queste esteriorità: passerebbero in secondo piano se ci fosse sintonia. Basati piuttosto su te stesso e sulle tue sensazioni. Tuttavia: se continui a dire di no, chiediti a chi diresti di sì. Non irrigidirti troppo su "altezza, età, colore dei capelli e degli occhi". Prenditi il tempo necessario per fare la scelta, ma dai anche una possibilità a chi incontri.

Redazione Parship

Prova Parship gratis

Io sono
Sto cercando

Se clicchi su "Trova il partner", accetti le nostre Condizioni Generali di Contratto e dichiari di aver letto le disposizioni dell'Informativa sulla Privacy.

Error with static Resources (Error: 418)