> Magazine > PARSHIP news > "I social network sono un bene": l'approvazione viene dal Papa

PARSHIP news

"I social network sono un bene": l'approvazione viene dal Papa

Le indicazioni date dal Santo Padre sono quelle che da sempre noi consigliamo perchè la ricerca del partner on line sia efficace. D'altra parte, forse qualcuno non sa che anche i suoi genitori si sono conosciuti proprio grazie ad un annuncio.

Parship.it - L'amore e i social network

"Grazie alla Rete, inedite opportunità di stabilire relazioni"

Internet per fare nuove amicizie o per trovare l'amore? Forse i più restii ad accettare anche questa modalità moderna di incontro e conoscenza saranno ora disposti a riconsiderare il loro scetticismo, dopo le parole che il Santo Padre ha pronunciato nel suo discorso alla 45ª GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI (che è disponibile, in allegato, al fondo di questa pagina). "Le nuove tecnologie - ha detto - non stanno cambiando solo il modo di comunicare, ma la comunicazione in se stessa. Con tale modo di diffondere informazioni e conoscenze, sta nascendo un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e di costruire comunione".

Da quando Internet si è diffusa, sicuramente è stata utilizzata in molti modi. Indubbiamente si presta facilmente anche ad un uso che non va nel senso di verità, di rispetto degli altri. Ma il punto è, come nella vita "reale" appunto l'uso saggio. Spiega Markus Fischer, responsabile di PARSHIP Italia: "Chi vuole stabilire relazioni serie, autentiche, sa che non dovrà puntare su siti gratuiti, su servizi di chat; puntare sull'ammiccamento non porta lontano. PARSHIP ne è l'esempio lampante: nel 2001, prima ed unica in Europa a credere che il vero bisogno in amore non è l'avventura di una notte, scelse con passione quella che è ancora oggi la sua mission: "lavorare per l'amore, per aiutare le persone ad essere felici". Anche in questo senso si costruisce una Rete attenta ai valori, che costruisce. Con un servizio serio, trasparente, realmente rivolto solo a chi cerca una relazione duratura. Vero, ora ci provano in tanti ad offrire lo stesso servizio ma noi sappiamo che, da sempre, ci mettiamo anche la nostra passione e non è solo tanto per dire!"

Profili reali e pericoli da evitare

Ancora dal discorso del Papa, i rischi dell'uso di internet per gli incontri è il "rifugiarsi in una sorta di mondo parallelo o l'eccessiva esposizione al mondo virtuale". C'è anche una raccomandazione: "Nella ricerca di condivisione, di "amicizie", ci si trova di fronte alla sfida dell'essere autentici, fedeli a se stessi, senza cedere all'illusione di costruire artificialmente il proprio "profilo" pubblico".

"Utilizzando un servizio come PARSHIP il rischio di restare in un mondo parallelo non c'è tanto - spiega Anna Maria Cebrelli, Love & Single Coach di PARSHIP.it -; però è vero che la tendenza a mantenere lungamente i contatti solo on line, solo virtualmente (solo per email o magari anche al telefono) non è una buona scelta e si avvicina al pericolo citato dal Santo Padre. Nei contatti virtuali infatti le emozioni possono essere molto intense, il livello di confidenza molto intimo: tutto questo da un lato può soddisfare parzialmente dando l'idea di una relazione concreta in atto (mentre in realtà è - e non è - concreta; potrà esserlo realmente solo nel momento di un incontro reale); dall'altro rischia di far crescere un castello di aspettative e idealizzazioni dell'altro che è destinato a crollare al momento dell'incontro di persona".

Consiglio importante

C'è una conoscenza che si sta rivelando piacevole? Bene, è importante cercare di vedersi al più presto. Solo l'incontro, faccia a faccia, potrà concretamente dare l'idea se ha senso, se vale la pena continuare ad approfondire quella conoscenza. Insomma: il primo appuntamento NON sancisce l'eventuale inizio o fine di una possibile storia ma più semplicemente l'inizio di una conoscenza "interessante". Riprendendo le parole del Santo Padre: " E' importante ricordare sempre che il contatto virtuale non può e non deve sostituire il contatto umano diretto con le persone a tutti i livelli della nostra vita".

Il proprio profilo: la verità paga sempre

Dati finti, messi magari per insicurezza oppure con l'idea che si potranno avere più contatti, sono sempre la peggiore delle carte personali giocabili. L'autenticità è l'unica via: per il presente e per il futuro. Qualsiasi informazione "truccata" sarà poi difficile da giustificare, rischia di minare prima ancora di iniziare la fiducia. Un profilo autentico consentirà a chi incontriamo di conoscerci veramente, nella bellezza complessiva e nell'unicità di quello che realmente siamo. E' un gesto di rispetto nei confronti di chi contatteremo e anche verso se stessi. Correttezza, verità, lealtà: una scelta di fondo (prima ancora che una strategia da utilizzare perchè si sa che le bugie hanno le gambe corte).

Lo dicono chiaramente anche le parole di papa Ratzinger: "Anche nell'era digitale, ciascuno è posto di fronte alla necessità di essere persona autentica e riflessiva. Del resto, le dinamiche proprie dei social network mostrano che una persona è sempre coinvolta in ciò che comunica. Quando le persone si scambiano informazioni, stanno già condividendo se stesse, la loro visione del mondo, le loro speranze, i loro ideali. Ne consegue che esiste uno stile (...) di presenza anche nel mondo digitale: esso si concretizza in una forma di comunicazione onesta ed aperta, responsabile e rispettosa dell'altro".

Gli annunci per trovare l'amore: la Rete oggi come i giornali una volta

Nell'era digitale, nuovi mezzi sostituiscono quelli più tradizionali. Quelli da sempre utilizzati da tutti o da qualcuno. PARSHIP, ad esempio, nasce nel gruppo editoriale Holtzbrinck proprio come piattaforma che rispondeva ad un bisogno reale espresso dai lettori di una pubblicazione cartacea. D'altra parte, si sa, Cupido non bada troppo a come realizza il suo obiettivo: l'importante è trovare una strada mirata per far passare i suoi dardi magici. Quindi, se annuncio deve essere, annuncio sia. In fondo internet è fatto di pagine così come di pagine sono fatti i giornali. Tutto il resto è relativo.

Un annuncio "galeotto" e il signor Ratzinger trovò la sua compagna di una vita

«Modesto funzionario, scapolo, cattolico, 43 anni, con diritto alla pensione desidera convogliare a nozze con una ragazza cattolica che sappia cucinare e anche un po’ cucire, e che abbia qualche proprietà. Rif. 734»: così Joseph Ratzinger scrive il suo annuncio sul settimanale cattolico Liebfrauenbote di Altötting. La prima volta non andò bene, non successe nulla. Ma lui non si scoraggiò e ripubblicò qualche mese dopo un altro annuncio, correggendo un po' le "pretese": sulle "proprietà" si poteva anche sorvolare. E questa volta gli rispose Maria Peintner, cuoca provetta. Si sposarono nel novembre 1920. Dal loro amore nacque quel Joseph che poi diventerà Benedetto XVI, il nostro Papa.

Una serena determinazione

Insomma: da sempre l'amore trova le sue vie e non è necessario che il primo contatto sia di persona (come sostengono ancora oggi i - sempre meno - detrattori della ricerca del partner on line). Naturalmente, allora come oggi, è l'incontro vero che fa la differenza. E oggi come allora, riesce ad avere successo chi non demorde; chi non si lascia scoraggiare dai silenzi o dalle conoscenze che non vanno avanti; chi persegue con serenità il suo obiettivo. Chi fa sì che, "per caso", anche inaspettatamente le cose succedano (come poi testimoniano le testimonianze di storie di successo che riceviamo).

Le strade di Cupido sono infinite...

Scrisse il teologo Albert Schweitzer: «Il caso è lo pseudonimo che il nostro Dio sceglie quando vuole restare in incognito».

Noi di PARSHIP lo sappiamo bene: ci piace preparare un buon terreno per Cupido. Forti del nostro metodo scientifico per il calcolo dell'affinità di coppia, ci piace favorire il "caso". Conosciamo il noto adagio "Aiutati che il cielo t'aiuta". Cupido, lo sanno tutti, è seduto da qualche parte, anche lui, lassù, tra gli dei...

Trova chi fa davvero per te!

Registrati ora

Prova PARSHIP gratis
  • TÜV Süd I tuoi dati saranno trattati con assoluta riservatezza.

Se clicchi su "Trova il partner", accetti le nostre Condizioni Generali di Contratto e dichiari di aver letto le disposizioni dell'Informativa sulla Privacy.